lunedì 31 ottobre 2011

Della gloriosa essenza



Fotografia di © Chiara Lana
Tutti diritti riservati


Ha dissipato il tempo l’energia e il sogno
sgretolati ormai i giganti
affondo lentamente
negli spazi vuoti dal buio intenso
Avevo vent'anni fino a ieri
giorni e mesi ed anni
a ricorrer d’una goccia all’alba il volo
ed oggi la pioggia ad inondare l' ormai scura terra
Risuona al cuor il perduto passo
il vagabondar di pensieri al crepuscolo
Più che la gioia il dolore
la memoria scuote
al risalir la vetta di sassi e fango
M’aggrappo all’alito della gloriosa essenza
che migra d’autunno la tristezza
È questo il sospiro che discrimina
che culmina, "l'attimo fuggente
"
il mio
che ancor vive.

 



i versi in corsivo sono di Andrea Zanzotto
 



Versi di © Gelsomina Shayra Smaldone

lunedì 24 ottobre 2011

Inalterabile


Fotografia di @ Tonino Lepore
Tutti diritti riservati



Vuoi che io cada
che ceda alla notte
la rabbia sconfitta dalla dolcezza
vuoi che la follia depredi la mente
che pianga e mi graffi l'anima
fino a strapparmi le vene
vuoi oscurarmi il sole ed il respiro
eppure io resto qui
in piedi dinanzi a te
come roccia scalfita
ma non sgretolata
Ho stretto nel cuore
mille stelle d'amore
conosco i loro nomi inconfondibili
e della luce il riflesso caldo
Tendo le braccia al mondo
e quando provi a spegnerne il battito
sorrido all'ignorante supponenza
Io sono capace di sognare e sperare
d'amare oltre ogni limite
del tuo vano sancire la mia sconfitta
Eternamente ci sarà un verbo
per cui valga la pena di vivere e morire
lungo il mio cammino
in questo bosco di frattaglie e girasoli


@ Gelsomina Shayra Smaldone

giovedì 13 ottobre 2011

Là dove regna sempre il sole



The heart of a flower by ~StyxCornix




Stringo al petto
il libro della mia vita
Sfogliando pagine di ricordi
torna il passato
a congiungersi al presente
e pulsa più forte il cuore
Immagini suoni e volti
intessono emozioni immense
mentre osservo il tuo dolce sorriso
 da sempre onda del mio obliquo tempo
che abbraccia il tuo
in un folle giro di giostra
sospesa fra sogno e realtà
Malvagio è il gioco di luci ed ombre
tatuate sul tuo volto smarrito
inchiodate al mio petto ferito
Potessi tornare indietro
ingannare l’attimo
e cederti il posto mio
tenero uomo bambino
M’è concesso solo d’amarti
senza più ricordare da quando
ed oltre ogni limite
posto dal crudele destino
uniti nell’infinito della tua anima
profonda e pura
voleremo alto
là dove regna sempre il sole
Fratello Mio

sabato 8 ottobre 2011

Solo tu Poeta



Foto di © Alberto Borgonovo
tutti i diritti riservati

Cambia il tempo della vita il corso
folli stagioni troncano di quercia i rami
s’alza il vento a sollevar del fusto la foglia
che il ritorno alla linfa tenta
piccola grande testarda non s’arrende
S’intrufolano inaspettati eventi
del destino a raccontar la storia
d’occhi di rugiada asciutti di nebbia velati
e di sassi e fango contro  il cuore stanco
Trema la mano al corrugar della fronte
al tracimar dell’argine l’anima confusa
teme dell’onda il riflusso
Conforto e speme sei tu poeta
  eterna ragione ed essenza

della mia presenza
 


 

lunedì 26 settembre 2011

Amato amore


S'aprì un giorno
  a corolla un fiore
lieve il cielo adagiò
spicchi di sole
e tremanti mani  d'amore
Soffiò forte il vento
un giorno
e non fu più mio
Amato amore
attimo immenso
della vita solo


Buon compleanno Aldo*

lunedì 5 settembre 2011

The King



Abbiamo dimenticato
a volte rinnegato
la ragione della vita
della nostra vita
amare è il giusto senso
il nostro potere
siamo nati per essere re dell'universo
sottomettendo l'odio ed il rancore
semplicemente amando
ed anche quando la vita stessa
ci dimentica o ci rinnega
abbracciamoci
fosse anche l'ultimo giorno
di questo fragile cammino
amiamoci
sorridiamo al mondo
al suo spettacolo che dovrà continuare
anche se gli occhi ed il cuore
chiuderanno la luce all'alba

un giorno

mercoledì 17 agosto 2011

Evanescenze

bepperanieri

Fotografia di © Beppe Ranieri
tutti i diritti riservati


* * *

E mi l’illuminò dentro
la mia vita
ha riempito caldo il mio cuore
poi come luce di stella ormai spenta
trafigge il tempo e inonda la scura terra
delirando nel cuore della notte

Mi tuona in petto la mia sconfitta
mai ripagata
porterò via tra le mie mani l'anima
nel tempo del rimpianto cercherai la scia
d’un orma lieve
astro ormai mancante

forse un giorno

giovedì 4 agosto 2011

Sirio




 



Moonlight by ~AbsentEcho




Tornano in alto ad ardere le favole
dolce armonia di stelle e luna
Mormoro melodiche parole all’infinito
fiamme ardenti delle mie vene

Senza il velo dell'illusione
cadranno colle foglie al primo vento
le forme illusorie nei giochi di luce
e il sogno non mi ruberà più niente

Ma venga un altro soffio
ritornerà scintillamento nuovo

l'alito si posa
sull'incantevole essenza del tuo respiro
e m'illumina dentro

ancora

 



* i versi in corsivo sono di G.Ungaretti

domenica 31 luglio 2011

Il tempo non ha del soffio la tua anima









Rominadughero


Il tempo non ha del soffio la tua anima
In cerca del dolce palpitare d'un stella
io sento la delicatezza

Taglierò all'imbrunire la mia ombra
poi quel volto
quella rosa che non hai colto

Capricciosa la luna si vela d'una goccia argentata
è l'alba dei miei occhi al passo fragile
d’un lacrima che mai cadrà
Ripongo come reliquie le fatue speranze
ora è più facile spegnermi che illuminarmi


© Gelsomina Shayra Smaldone

giovedì 28 luglio 2011

Frammenti



I miei sogni sono tutti là
fra le stelle
sono le stelle
Lumi splendenti nella notte
che m'accecano a volte
e a volte m’ingannano
si nascondono alla speranza dei miei occhi
oppure cadono a piccoli frammenti
a disgregare ciò che resta dell’anima
lacerata da quel nome
inchiodato al firmamento
lontano irraggiungibile invisibile
mia pena e dannazione
ragione del mio inferno su questa terra

giovedì 21 luglio 2011

Calda...mente

Fa accusì cavere ‘o juor
ma ‘a notte é fresca e s’arreposa
Tanta vote guardanno ‘a luna e stelle
m’addummanno ma che voglio ‘e chiù da chesta vita?

Mujerema affianco a ‘mme s’arrevote
nun trova pace
e dint’o mument chiù bell ’i stì pensier ‘e poesia
me dice
Antò, fa caver!
e sbuffea cuntrariata

Cu tanta pacienza le rico
Nun è ‘o vero
l’aria è fresca, guarda ‘sta luna e sti’ stelle
‘o siente stu ventariello comme scioscia ‘ncoppa a pelle?
 Trova pace, ripuose in pace e così sia... famme stà quiet!

ma chella là è na femmina ‘nsistente
Antò, fa caver!

madonna mia! Nun ‘a support chiù
nun  tene fantasia, figurammece ‘a poesia
me so scucciat, mò t’arrefresc’ io
acchiappo ‘o sicchio e ll’acqua affianco ‘o lietto
( ca m’ero appriparato prontamente )
e c’ho vuotto ‘nguoll

Stai bona mò?
Sapite chella che fa? Me risponde cu tant ‘e faccia tosta
Antò fa fridd!

  e che nuttata!!!
Chest'assassina è accise a ’mme e pur ’a poesia!

Traduzione letterale

Fa così caldo di giorno
ma la notte è fresca e si riposa
Molte volte guardando la luna e le stelle
mi chiedo cosa potrei volere di più dalla vita?

Mia moglie, accanto a me si gira e rigira
Non trova pace
e nel momento più bello di questi pensieri e poesia
mi dice Antò fa caldo!
e sbuffa contrariata

Con tanta pazienza le dico
Non è vero
l’aria è fresca, guarda questa luna e queste stelle
 lo senti questo bel venticello come soffia sulla la pelle?
Trova pace, riposa in pace e così sia...!fammi stare tranquillo!


Ma quella è una donna insistente.
Antò, fa caldo!
Madonna mia, non la sopporto più,
non ha fantasia, figuriamoci  la poesia
Ora ti rinfresco io
prendo il secchio d’acqua accanto al letto
( Che avevo già preparato prontamente...)
E glielo butto addosso

Stai bene ora?
Sapete quella che fa? Mi risponde con una faccia tosta
Antò, fa fridd!

E che nottata!
Quest'assassina ha ucciso me e pure la poesia!

martedì 19 luglio 2011

Signora ipocrisia


Biate a te ca duorm
Signora ipocrisia
t'é facil ‘e chiurere ll’ucchie
pecchè nun tiene ‘na coscienza
e ‘ncoppa  a‘ lenga t’abballano ‘e bucie
'a verità nun dorme invece
quanno te  vere e sott’o braccio ca' strafottenza
  ve pensat ‘e piglia pe’ fess l’intelligenza

‘O sangue s’avvelena e volle
  dint ‘ a panza se girano 'ì stintini

A vecchia m’o dicette
nun n’è facile si vuò bene
  a tenè chiuso ‘o core

ll’uocchi veren
‘e recchie senten
e ‘a vocca nun po’ parlà


traduzione letterale


Beata te che dormi
Signora ipocrisia
ti viene facile chiudere gli occhi
perché non hai una coscienza
e sopra la lingua ti ballano bugie
la verità invece non dorme
quando ti vede e sotto al braccio con la strafottenza
credete di poter raggirare l’intelligenza

il sangue s’avvelena e ribolle
dentro la pancia si rigira l’intestino

La vecchia me lo disse
non è facile se vuoi bene
a tenere chiuso il cuore

Gli occhi vedono
 le orecchie sentono
e la bocca non può parlare


 

venerdì 15 luglio 2011

Ammore 'ngrato



Vattenne 'o luna ‘a 'ncoppa stu mare
nun me fa chiagnere lacrime amare
ll'uochhie suoje tu m'arricuorde
doje stelle fredde assaje
a stessa luce furastiera
dinto all'anima me tremma
vulesse purtà stu' core
'nfunno a chest' onne
pe' nun senti' chiù 'a voce mia
ca' dice tuorn tuorn ammore mio
senz 'i te nun pozzo chiù campà
'na lacrime me scenne chiano chiano
dinto 'o silenzio 'e 'sta nuttata scura
'o tiemp passa e tornano 'e rose
sule tu nun tuorn
ammore 'ngrato


( postata qui nel Maggio 2007, quando non avevo ancora ricevuto l’onore di essere redattrice di MC )

Traduzione letterale

Vattene luna da sopra questo mare
non farmi piangere lacrime amare
gli occhi suoi tu mi ricordi
due stelle fredde assai
la stessa luce forestiera
nell’anima mi trema
vorrei portare questo cuore
in fondo a queste onde
per non udire più la voce mia
che dice torna torna amore mio
senza di te non posso più vivere
una lacrima mi scende piano piano
nel silenzio di questa notte scura
il tempo passa e tornano le rose
solo tu non torni
amore ingrato

martedì 12 luglio 2011

Cara estate


L’avete tanto aspettata
e desiderata
ora che è arrivata
vi lamentate

fa caldo son sudata
la piega è rovinata
la pelle appiccicata
e la notte è infuocata

non si dorme non si respira
il bucato non si stira
nemmeno con l’ammira
solo sbuffi docce e tanta ira

sono stufa e dissociata
io l’estate non l’ho cercata
né mai l’ho sopportata
voglio il freddo ed una nevicata

Dopo questa sana sfogata
invio una breve raccomandata
cara estate tanto odiata
ma va a morì ammazzata!

sabato 9 luglio 2011

La stella più luminosa



Nacqui oggi
in una notte splendente
costellata di speranza
e preghiera
L’amore appese al cielo
una virgola di luna
che ancora m’accompagna
quando stringo al cuore
gli affetti a me più cari

Grazie a Voi che vegliate
dall’alto della stella più luminosa

Grazie a te
Vita!

venerdì 8 luglio 2011

Dove comincia la notte



Fotografia di © Gelsomina Shayra Smaldone
( tutti i diritti riservati )

 


Avanza la notte
fra strappi di ore
che tento di ricucire
Il mare agita le sue mani
sulla riva obliqua del mio giaciglio
squarcia impietoso l’anima
ignaro dell’ardente desiderio
d’esser lupo
fedele amante della luna
Sposa l’ululato la mia voce
e celebro la quiete della natura
divino dono e pietra sconsacrata
al passo ambiguo dell’umano incedere

io resto qui
dove comincia la notte

lunedì 4 luglio 2011

Purezza



Foto di © Luigi Benedetti
( tutti i diritti riservati )


Distendono le braccia i rami
sulle colline in posa
il mare calmo acquieta l’onde
riposano tranquilli gli animali
socchiudono gli occhi
al manto di stelle
Calma è la natura intorno
custode della loro purezza

e l’uomo insonne

 

venerdì 1 luglio 2011

Gli occhi verdi di Lyla



Trascorsero molte notti
da quando posò il capo sul quel muro di stelle
gli occhi rivolti sempre nella stessa direzione
attesero il levitar della luna giorno dopo giorno
ed intanto pregò la vita perché non spegnesse
nessuna di quelle luci sfavillanti
lumi dei suoi occhi verdi
vento sulla pelle vellutata
verbo sulle labbra socchiuse
sospiro nella gola arsa
Restò immobile come statua di marmo
in attesa dell’ultimo tocco di scultore
Solo una piccola goccia di sangue
scese dal cuore
quando venne il mattino
e chiuse le porte al tramonto


© Gelsomina Shayra Smaldone

giovedì 30 giugno 2011

Mio rifugio e respiro



Fotografia di © Adolfo Valente
( tutti i diritti riservati)



E’ di miele la quiete che mi dona la notte
l’attendo trepidante dal calar del sole
fra le piccole onde increspate all’orizzonte
Sorge alta la luna
m’inchino al silenzio che m’abbraccia
Preghiera s’invola alla stella amica
sollevami l’anima stanca di tuoni e suoni
adagiala sul sacro altare dei miei ricordi



ed io sola
l’ascolto


nell’immensità di quel cielo
mio rifugio e respiro

* * *
Versi di © Gelsomina Shayra Smaldone

martedì 28 giugno 2011

* Di notte *



Fotografia di © Chiara Lana
( tutti i diritti riservati )



 





Di notte
quando il tentar m’assale
d’appender ai chiodi del silenzio
schizofrenici rumori
alla mente strappo il laccio

E m’é dolce il suo vagar
fra bizzarre fantasie
rivestite a suoni
d’archi e piani in melodia
Candido e lieve s’intona il volo
di piume drappeggiato il mantello
che il cuor eleva a mistici pensier
di morbida spuma manufatti
ad aprir levigati viali all’anima mia sazia
E sogno d’azzurro l’ore mie
al dolor nude in supina quiete
D’un castello saranno dimora due torri a merli
ali blu di congiunte farfalle
a chetar del tempo il fremente  ticchettio

Di notte
il sogno mio s’invola
  mura cinte d’allegria
ché l’alba non penetri il risveglio
a sbriciolar la sua magia

 
 

domenica 26 giugno 2011

Notturno



Silenzio
ammanti l’anima mia
nella  sacra quiete
di questa notte
così bella da sembrare sogno
Miele della mente
e pace del cuore
avvinghiami fino all’alba
come tenero amante
rubami il respiro

mercoledì 22 giugno 2011

martedì 21 giugno 2011

Golosa


Voglia di dolce
m'ingozzo di gelato
crepi la dieta

All'amicizia





Non immagino
la mia vita senza te
 
un un fiume arido
che non ritorna al mare
 
un cielo oscuro
senza brillio di stelle
 
m'illumini l'anima
nei miei attimi d'immenso

sabato 18 giugno 2011

L'alba


Versi a seguire "L’attesa" di Stregattablu 





L’accenno iridato dell’alba
lenisce il fiato stanco
 s’aprono lentamente le finestre
e fluttua ancora il palpito al nuovo sole
 
La vita respira nuovi passi
nel volo alto di un’aquila reale
che torna all’antico nido
sulla roccia a sovrastar il mondo
 
Racchiudo le mie ali
e siedo sul trono della speranza
a rimirar gocce di rugiada
nel mio giardino stregato

giovedì 16 giugno 2011

Madre mia





Foto di © Chiara Lana 
tutti i diritti riservati


* * *

Non ho pregato Dio per l’anima mia
solo per quella dei miei fratelli
intanto il sole saliva alto
e dalla nuda terra
culla della madre mia
mi ritornava agli occhi un fiore
per pochi attimi infiniti
Credevo di cadere sulle ginocchia
eppur il cuore m’ha sostenuto
eretta in mite dignità
ho cantato nella mente
una dolce ninna nanna
perché sentissi solo la mia voce
mamma

mercoledì 15 giugno 2011

L'attesa


 





Foto di © Roberta Nozza
tutti i diritti riservati 



M’è noto il senso della vita
eppur m’invade lo sgomento
al sottile gioco del destino
 
burla le nuvole il nuovo sole
e poi scompare
il passo cede a tuoni e lampi
che al cuor fan timore
 
Sugli argini violati l’anima seduta
in pena di sé
la quiete attende


 

lunedì 13 giugno 2011

martedì 7 giugno 2011

Sedōka


La mia quiete

* * *


Dolce è la quiete
che mi dona la notte
l’attendo trepidante
 
fra piccole onde
increspate al tramonto
risorge l'anima mia

 

lunedì 6 giugno 2011

Tanka n.2/2011


Foto di  ©   Romina Dughero 
( tutti i diritti riservati )




Profumo inteso
di rose e gelsomini
inebria l'aria

primavera palpita
al cuore innamorato

sabato 4 giugno 2011

Haiku 1/6/2011 - Tanka 1/6/2011


Haiku 1/6/2011
Simpatica...mente


* * *
Ho l'anca stanca
e il ginocchio sbilenco
serve una panca

* * *

Tanka 1/6/2001

Amo il tuo cuore
ch'avvampa l'anima mia
baci di fuoco
increspano la pelle
sotto la luna muta

 

venerdì 27 maggio 2011

Di te sete e fame













 



Per te il mio essere ho infranto
e la natura che mi fece orgoglio e dignità
Tempi infausti affilarono avvelenate lame
a penetrar l’innocente schiena
eppur mancava al cuor la tua presenza
e della memoria un fantasma
nel vespro d’un sussurro
mi fu tuono al ricordar
il pronunciato

t’amo

Sconosciuto mi fosti agli occhi
e alle labbra il nome
ma di te sete e fame sopraffarono il rifiuto
a cercar goccia a goccia l’amor tuo
confuso nel fiele di fragole senza gusto



ed ora porto ancora della fune i segni ai polsi





 Foto di  © Alberto Borgonovo

venerdì 20 maggio 2011

Nata per amare


Mi ferisce l’indifferenza
e la grettezza umana
Luccicano di sale gli occhi
dinanzi al sentimento negato
ma io sono nata per amare
Amare, amare e poi amare
ancora
il sole, la vita, la natura
e te
che penetri a passi lenti e lievi
nella terra dell'anima mia
a volte m’inondi con furia d’emozioni
come il ruggito del mio amico mare
Nata per combattere
le crudeli battaglie della vita
Nata per abbracciare anche le sconfitte
continuo a correre contro il vento
a sfidare il fratello fuoco
Nata per sollevarti e sorriderti
Io così piccola e fragile
con un cuore di pantera
Amo


( fermare il player prima della visione) 





( a chi, come Freddie, ama nonostante tutto )

 

martedì 17 maggio 2011

Pagine preziose



Foto di © Romina Dughero

Ho cinto mille pensieri di menti elette
lungo la via verso la conoscenza
Assetata di saggezza
inchino il capo
scrutando l'orizzonte
che cancella il fremito
del passo ardente
e riempie gli occhi d’albe carezzevoli
ove il perpetuo fluire di preziose pagine
divenute mie
in celeste quiete donano
dolci labbra al cuore

mercoledì 11 maggio 2011

Ad un passo dal sole










Non so perché io nacqui
per quale ragione il destino
mi volle figlia e madre
se poi il senso svanì
ad ogni svolta
e perché la vita ha infierito
contro il mio cuore
maledetto
e così grande da ammantare
ogni respiro a me caro,
eppure ho tanto sperato
creduto, sognato.
Quante colonne cadute
dinanzi ai miei occhi
increduli
Proseguo la mia strada
tenendo l’anima per mano  
segreta e sola
Sorride la bocca
ed io
ad un passo dal sole


Foto di © Romina Dughero

venerdì 6 maggio 2011

Rimpianto


 




Foto di  © Chiara Lana





Ti cerco disperatamente
lungo il rumore d'un fiume
tra i sogni della notte
che evaporano dalle finestre buie
Mendicante io
avvicino il cuore sgualcito
al tuo universo vagabondo
Il tempo corre via spietato
tu lo segui
io rimango qui
ad allungare la tua ombra
che l'alba non potrà rubarmi
Vorrei entrare a piedi nudi
nel tuo silenzio
rubarti un respiro
un pensiero
Vola l'anima tra le tue ciglia
per imprigionarsi in un ricordo



Sei rimpianto che mi consuma



giovedì 5 maggio 2011

Gigli e lillà



 Foto di © Luigi Benedetti
 

 
 Sudici menti e cuori di ghiaccio
trucidano anime innocenti
quotidianamente
seppellendo fra rovi e pianti
attimi giocosi e candidi sorrisi
in primavere ormai perdute
senza rondini a garrire.
Plumbeo si fa il cielo
quando cadono le stelle
e nel buio di demoni senz’ombra
trascinano silenti stimmate
sanguinanti.

Non coprirti gli occhi
indifferente viaggiatore
urla  con me
il dolore del mondo
Siedi pure sul tuo potente trono  
e recidi senza indugio
la mano che sfiorisce gigli e lillà
Anche tu sei colpevole
se resti in silenzio
inerme
 
Domani
il destino potrebbe caderti sulle ginocchia
bussando cieco alla tua porta.




Oggi 5 Maggio è la Giornata Nazionale contro la pedofilia e la pedopornografia

 

martedì 26 aprile 2011

Preghiera













Foto di © Chiara Lana


Ho camminato tanto
fra le zolle smottate
di anime amate
Ho sottratto l’acqua
da minuscole gocce di rugiada
e dal cielo caldi raggi di sole
fino a piegarmi la schiena
fino a spaccarmi le mani
ché si animi il seme di vita
Fra le pieghe del cuore
ho custodito il dolore
e in silenzio ho pregato
l’alba al trionfo
del mio frutto d’amore

 



 


 

giovedì 21 aprile 2011

E venne l'uomo


Fotografia di © Chiara Lana

E venne l’uomo
a render miracolo ai sofferenti
e parole vere agli increduli
ma la notte scura corrose le coscienze
per trenta denari appesi ad un ramo
Fu il tempo allora di chiodi
e spade nel costato
morte annunciata per il giusto
che trascinò il legno sanguinante
tagliato in due con vile sagacia
da crudeli mistificatori
Si piegarono tre volte
le ginocchia sulle pietre
Il cuore rimase in piedi
aggrappato all’umano sacrificio
ed alla gioia della sua rinascita.
 Volse alla folla
lo sguardo di spine
risorgerai con me?

Si, lo voglio!

venerdì 8 aprile 2011

Il girasole



I girasoli di © Vincent Van Gogh




Avrei voluto raccogliere
tutti i fiori della terra
quelli di campo
viole e girasoli
per offrirli al tuo cuore
mio dolce amore
ma ho trovato solo parole
arcobaleni d’emozioni
su ali d’aquiloni
sono eterni pensieri dell’anima mia
a te consacrata in un giorno d’aprile
nel mio attimo d’immenso

* Buon Compleanno Luca *

domenica 3 aprile 2011

Dei miei giorni al tramonto



Fotografia © di Monica Corda
 




*Ti aspetto e ogni giorno
mi spengo poco per volta
e ho dimenticato il tuo volto

da troppo tempo lontano dalla mia anima.
Fra una manciata di tempo
io non sarò di questa terra
ed avrò chiuso gli occhi
senza averti mai incontrato, ritrovato.
Amore amato, atteso, disperato, vero,
eterna bugia dei miei giorni al tramonto.

 



* i versi in corsivo sono di Alda Merini

Universo vagabondo





Pensiero, universo vagabondo
m’accompagni dolcemente
lungo il rumore del tempo,
tra i sogni della notte
quando io non ho più parole
solo emozioni e ricordi
ma cosa sei tu in sostanza?
eco eterno, custode delle mie vene
abbraccio di umana fragilità,
qualcosa che lacrima a volte,
fra i lembi disgiunti della mia anima
e a volte dà luce alla solitudine
dei miei occhi.

 



* i versi in grassetto sono di Alda Merini

sabato 2 aprile 2011

I cristalli di gelo



© grafica di Runa

 



Ah se almeno potessi,
suscitare l'amore

come mia unica certezza.
Se potessi raccoglierlo da una bianca rosa,
nel limpido credo di rugiada mattutina
che rinfresca la mente
e acquieta il cuore,
Fuoco che divampa ogni ora
a riscaldar i cristalli di gelo
della mia anima assetata,
lungo i pensieri affilati
che squarciano il velluto dei miei sogni
e accompagnano i tormentati sentieri della notte.
Muto sei, ormai, mio desiderio ardente,
prigioniero di ciò che resta
del mio spirito ribelle,
a te consacrato senza ragione.

 



( i versi in corsivo sono di Alda Merini )

Il cuore del Poeta



* Il Poeta raccoglie i dolori e sorrisi
e mette assieme tutti i suoi giorni

per consacrarli al mondo in riscatto delle sue pene.
Siano ore maledette o cosparse da balsamo divino
le sparge intorno perché mai nessuno si senta solo
nei giorni peggiori dei suoi giorni migliori.


 



* I versi in corsivo sono di Alda Merini
 

domenica 27 marzo 2011

Nel perduto immenso
















Abbi pietà di me che sto lontana*
dall'essenza delle mie radici
che non sento appartenermi
ora che i miei giorni sempre più corti
spengono l'infinito dei miei avanzi
e l'alba dai miei occhi
Cedo il passo fragile
al vuoto assoluto e più nulla sento
per quegli anni e mesi e giorni
in cui ero e non avevo
e ancora adesso sono
Spazi di me cerco
per quel volto e quella rosa
che non ho colto
o forse fuggiti via
senza ragione
L'amore ormai non mi ruberà niente
finché non torno
 



* il verso in corsivo é di Alda Merini




venerdì 25 marzo 2011

Senza più aria


Spazio spazio io voglio, tanto spazio*
Ché mi soffoca la vita
Priva ormai di sogni
Denudata di certezze
Strappate via con forza
Dal mio tempo sempre uguale
Ormai stanco
Come un vecchio curvo
Senza il suo bastone
Intendo ritrovarmi nel mio vuoto
Senza più aria

Spazio spazio io voglio, tanto spazio*
Ché si slaccino le catene
Dal muro di cemento
Innalzato inesorabilmente
Intorno al mio respiro
Grido d’un tempo
Ormai inesistente
Ho bisogno di vento e senso
Di tornare a credere
Per non perire
Senza più aria

 



* il verso in corsivo é di Alda Merini

D'amore


 


Foto e versi dell'autrice - tutti i diritti riservati -

Non ho bisogno di denaro.
Ho bisogno di sentimenti,
*
di solcare cieli infiniti d’amore
e volare su onde irrequiete di emozioni,
su scie di vento dal soffio costante,
in abbracci di verità imbattute,
denudate da feroci destini,
avvolti in eteree organze
ed ora guardami
oltre questa superficie
Stupisci l’anima assetata
I miei occhi non possono mentirti
annego tra terra e cielo
pensando alle tue labbra
nel pronunciar il nome mio

 


© Gelsomina Shayra Smaldone



*i versi in corsivo sono di Alda Merini

sabato 5 marzo 2011

Al calar della tua maschera


Ti fu avverso il destino
il giorno che m’incontrasti,
convinto che non scorgessi
il vero volto tuo oltre la maschera,
sicuro che il mio silenzio ti fosse forza
nel perseverar l’infame inganno.

Il ghigno della bocca non vidi
ma assaporai degli occhi la ferita
quando alla tua arrogante presunzione sussurrai


Puoi anche calar la maschera al mio cospetto
scorgo sempre la stessa faccia che ti fa pelle


 





 








per ascoltare fermare prima la musica del video sulla colonna a destra

venerdì 25 febbraio 2011

Dell'infinito il ruggito



Vorrei raccontarti del mare
del suo fragore
voce dolce e imponente
che s’apre d’improvviso come un fiore
di come si rifiuta la paura
ma i tuoi pensieri cadono svogliati
e sordi dagli alberi in autunno
s’immergono nell’oblio
di suole senza vento
comodo rifugio della mente

Non puoi essere onda
se non mi cammini accanto
se non odi il mio ruggito
tempesta e tuono d’una farfalla bianca
che tenta il sapore dell’infinito

martedì 22 febbraio 2011

E mi cerco al mattino





Schiodo parole sciocche dal muro
D’edera e margherite della mia mente
Che cinge grani di stelle al calar del sole
Odore di legna arsa e calde fiaccole di porpora
ravvivano i passi soffici della notte
Imprigionano stoltezze
Dentro stridule armature

E mi cerco al mattino
Quando l’alba s’affaccia sui miei occhi
Allontanando il tempo del rimpianto
Presente del mio futuro
Che ormai non m’appartiene
Se intingo l’anima
Nel dolce calice d’ambrosia


Ed è vita
o forse solo un sogno
fantasma vagabondo
in cerca di bugie

sabato 12 febbraio 2011

Innocente follia


Fotografia (C) di Monica Corda


Assorta nello spazio di un respiro
  Mi sveglia il tremore delle mani
E prego Dio perché spezzi questa rabbia
Dannate notti e giorni maledetti
Gocciolano il mio sangue

Ore sfrangiate e ruvide stuoie per dormire
Lacerano il soffitto
Innocenza mista a follia

Nulla può scalfire questa visione
Eppure il mio cuore non è di paglia
Ma altri gemiti d'illusioni non esistono per me
Forse solo il volo d’una colomba bianca
Placa l'anima mia stanca

martedì 8 febbraio 2011

Un lampo poi il tuono



Fotografia © Monica Corda

Fame e sete e voglia di scappare
dalle mie nuvole in viaggio
Un lampo poi il tuono
anche il mare non placa le sue voci
Urta contro la scogliera
dell'anima mia ribelle
che schiafeggia insolente
la gloria dei sogni infranti
stoffa ormai consunta
il mio ieri di domani
 insegue il volo
perduto
fra le strade del mondo
e intanto resto in piedi
a baciare il muro del mio silenzio
fragoroso

sabato 29 gennaio 2011

I silenzi del cuore




 Scrive respiri nostalgici
e battiti lenti
il tramonto
cresta dei miei orizzonti
S’adagia afono
su piccole onde straziate
da indolenti parole
Grondano sangue
i fogli sparsi al vento
trafitti dalla solitudine
Dileguato ormai il sogno
tento d’afferar l’anima
impenetrabile essenza
mio precipio
senza fine


 

mercoledì 19 gennaio 2011

Una vita


La pioggia mi colse all’improvviso, mentre camminavo in quel viale alberato accanto al mare. Tirai su il cappuccio del giaccone e decisi di continuare a passeggiare. Ho sempre amato il ticchettio della pioggia su di me, così alzai il capo verso il cielo per sentirla picchiare sul volto ed allargai le braccia per accoglierla sui palmi. Sublime sensazione! Il volo radente di un gabbiano mi fece riaprire gli occhi e fu così che notai sotto un albero di palma una busta bianca. Una strana sensazione m’ indusse ad avvicinarmi per raccoglierla.
La presi prima che si bagnasse completamente con l’intento di comprendere cosa fosse per restituirla, possibilmente, al legittimo proprietario.
Sopra c’era scritto A TE.
Rimasi sorpresa ed immobile per alcuni minuti, poi volsi lo sguardo intorno nella speranza di vedere qualcuno, ma ero sola.
Girai e rigirai la lettera fra le mani, poi decisi di leggerla visto che era aperta, chissà, mi dissi, forse avrei trovato qualche indizio per risalire a chi l’aveva smarrita.
 
“Ho deciso di scrivere perché non ho più parole da pronunciare e temo di rimanere nel silenzio senza che TU sappia…Che stupida!
Sono confusa e non so di preciso a chi sto scrivendo.
Ho abbracciato nel mio cuore tutti e tutto con onestà ed amore, rispettando i miei credi ed i valori necessari per lodare ogni forma di vita, offrendomi pienamente senza limiti né riserve.
Non mi pento di ciò che ho dato, ma rifiuto ormai l’infinita comprensione e pazienza che mi hanno sempre accompagnato. Respingo con tutte le forze rimaste il dolore del mondo, la violenza, l’abuso, la sua superficialità, la sua corruzione, le bugie, le falsità, l’invidia, i compromessi, le lascive parole, i futili gesti dal sapore di niente.
Forse scrivo
A TE che mi hai negato anche un piccolo sconto sulle pene a me destinate.
Hai infranto i miei sogni, violentandomi fino all’anima. Hai permesso che cadessero preziose colonne ed altari, ai quali offrivo il mio sacrificio e l’eterna dedizione.
A TE che non mi hai donato l’Amore vero, il rispetto, la speranza, il sorriso, la verità, la certezza, vendendomi come Giuda al peggior offerente solo per egoismo. Senza alcuna esitazione hai squarciato il mio costato con la lama dell’infamia. Chiedevo solo risposte, mentre ti offrivo aiuto, ma alle mie spalle fingevi di abbracciarmi, senza avere nemmeno il coraggio di guardarmi negli occhi.
A TE che mi hai deriso, sfruttato, derubato della fiducia risposta, del bene prezioso, luce dei miei occhi, accecandomi l’esistenza, avvelenandomi con un muscolo di cicuta.
A TE che hai inflitto tutte queste pene al mio cuore, sebbene rappresentino poca cosa a cospetto dell’umano dolore, auguro la peggiore di tutte le punizioni, comprendere le azioni commesse, sono interamente a tuo carico, prive di sospensioni e, soprattutto, senza la mia maledizione. Un giorno ti sarà servito il conto, la tua coscienza!
L’Amore, pilastro di questa maledetta vita, non s’insegna, né si apprende, é un sentimento naturale e non culturale, nasce con noi!
Ora, é trascorso il tempo delle parole e della dolcezza, cedute al mercato dello sdegno più grande. Ho perdonato senza mai dimenticare, non so se riuscirò mai a farlo, per questo motivo credo che non tornerò a casa, non é più mia e forse non é mai esistita, oppure é crollata, o contaminata da tempo, sciocca io a non accorgermene…
Andrò lontano con i migliori amori, da te definiti animali, ignorando la vera bestia che alberga in te!
Porto con me
solo TE, core mio!”

 
Mi ritrovai seduta, lì sotto quella palma, sconcertata e testimone di una vita che dovevo ritrovare e ridare a tutti i costi per stringerla forte a me. Iniziai a correre velocemente, il cappuccio scivolò via permettendo alla gocce di pioggia di unirsi alle mie lacrime silenti.



 

giovedì 6 gennaio 2011

Soffio d'immenso



Fotografia © Monica Corda


Con te fino alla profondità
dell’unica lacrima versata
fino all’abisso dell’anima
suicidio d’illusioni
d’occhi sperduti
  nel martirio del momento
 
Mi racconti di ore taglienti
con parole di tormento
del grondar muto
in sudore di spine
e di blasfemi fantasmi
che offuscano la mente
 
Ti tengo il cuore
 
Provo a rapire l’istante
essenza intrappolata
in prigione d’incertezza
che annaspa feroce
sui vetri appannati
da fiati di dolore
 
Sei dentro di me
mi palpiti sangue
mentre affondi
in orizzonti di pensieri
su voli trasversali di speranza
mio gabbiano senza rotta
 
Ti slego le vene
 
Fai pure a pezzi la rabbia latente
nell’enigma di cristallo
di affilate amarezze
ma abbraccia con me la vita
e la voglia maledetta
di riaccendere le stelle
 
Raccolgo a mani nude i cocci
del tuo vivere stanco
sacra offerta posta ai piedi
d’un altare sconsacrato
e qui attendo oltre il temporale
con te l’agognato miracolo
 
Ti soffio d’immenso