venerdì 15 luglio 2011

Ammore 'ngrato



Vattenne 'o luna ‘a 'ncoppa stu mare
nun me fa chiagnere lacrime amare
ll'uochhie suoje tu m'arricuorde
doje stelle fredde assaje
a stessa luce furastiera
dinto all'anima me tremma
vulesse purtà stu' core
'nfunno a chest' onne
pe' nun senti' chiù 'a voce mia
ca' dice tuorn tuorn ammore mio
senz 'i te nun pozzo chiù campà
'na lacrime me scenne chiano chiano
dinto 'o silenzio 'e 'sta nuttata scura
'o tiemp passa e tornano 'e rose
sule tu nun tuorn
ammore 'ngrato


( postata qui nel Maggio 2007, quando non avevo ancora ricevuto l’onore di essere redattrice di MC )

Traduzione letterale

Vattene luna da sopra questo mare
non farmi piangere lacrime amare
gli occhi suoi tu mi ricordi
due stelle fredde assai
la stessa luce forestiera
nell’anima mi trema
vorrei portare questo cuore
in fondo a queste onde
per non udire più la voce mia
che dice torna torna amore mio
senza di te non posso più vivere
una lacrima mi scende piano piano
nel silenzio di questa notte scura
il tempo passa e tornano le rose
solo tu non torni
amore ingrato

1 commento:

  1. raggioluminoso18 luglio 2011 18:12

    Le splendide poesie sono eterne e di certo non temono le rughe del tempo, la loro bellezza e il loro significato rimane immutato e questa che hai postato è la dimoztrazione di quel che asserisco.

    RispondiElimina